fbpx

Quando guardo i miei figli e fatico a capire cosa e come, spesso cerco di pensare cosa facevo in adolescenza... ma ahimè io sono stata un’adolescente “moscia” come dicono loro, ovvero senza troppi grilli e senza troppe richieste; ricordo però di aver provato RABBIA, FASTIDIO, RANCORE…
quanti di voi si ricordano di aver provato questi sentimenti?
Quanti di voi riescono a capire i propri figli durante l’adolescenza?
Quanti riescono ad avere fermezza ed essere accoglienti senza subire i cambi ormonali dei propri figli?
Quanto è più faticoso gestire un’adolescente oggi rispetto ai nostri tempi?

Domande retoriche perché le risposte me le date molto spesso durante le mie consulenze ed è per questo che ho voluto affrontare anche questa di stagione della vita: L’ADOLESCENZA.

Ogni volta che parlo di questo argomento ricordo quelle tante volte che i miei clienti che mi vedevano stanca perché avevo tre creature piccole e mi dicevano “dottoressa se li goda ora che poi quando crescono sono dolori”… quanto avevano ragione!

In adolescenza il nostro cervello è “fragile”, il nostro corpo è in balia degli ormoni, la nostra immagine di noi e degli adulti in divenire, siamo in un momento di cambiamento che ci porterà a diventare degli uomini e donne adulti diversi dai nostri genitori.
Spesso questo desiderio di differenziarci da essi porta a comportamenti opposti, molte volte estremi inutilmente; chi ha avuto genitori troppo severi rischia di diventare un genitore senza polso, chi ha vissuto un distacco emotivo cerca un’amicizia con il proprio figlio o figlia…penso che prima di diventare genitori dovremo fare tutti di default un percorso psicologico per allegerirci dai nostri vissuti e poter essere dei genitori differenti senza per forza negare tutto quello che anche di buono i nostri genitori possono aver fatto per noi.

Uno dei proverbi che ritengo più corretti è proprio che come genitore “come fai sbagli” ma lo impari solo a tue spese…

In adolescenza lottiamo per creare un nuovo noi, un noi spesso diverso da quello che i nostri genitori e parenti vorrebbero, agiamo per trovare la nostra autostima, spesso messa a dura prova durante questo momento della vita.
Guardando i miei figli spesso leggo sui loro volti sensazioni provate in quegli anni come il fastidio perché mio papà faceva rumore masticando, lo stesso fastidio che prova mia figlia quando gli altri commensali mangiano o bevono rumorosamente, la rabbia quando uno dei miei figlio si è decolorato i capelli e il suo atteggiamento straffottente, la delusione perché non riesco a comprendere certi comportamenti ed ottengo un commento sarcastico della serie non capisci perché sei vecchia, la frustrazione quando divento insistente come un martello pneumatico e mi si risponde “dopo faccio” che solo a sentirlo questo avverbio mi fa salire il nervoso.

Quando sento altre persone che hanno figli perfetti e che non danno problemi, è naturale pensare ma proprio a me dovevano capitare, ma poi ti rendi conto che i nodi al pettine vengono a tutti prima o poi, spesso non sono gli altri più bravi o i figli meno problematici, ma sono le informazioni che si hanno che non sono veritiere e comunque in ogni caso ognuno di noi ha le sue creature e quelle so’ pezzi’e core!

Quando i tuoi figli ti rinfacciano che a casa di tiziocaiosempronio si può o non si può fare quello che a casa loro ha delle regole diverse e tu gli dici la stessa frase che ti sei sentita dire “fino a che dormi e mangi in questa casa le regole le detto io” capisci che è il ciclo della vita e degli ormoni!

Voi avete faticato a far valere il vostro io quando eravate in adolescenza?! Riuscite a decifrare i messaggi non verbali dei vostri figli? Che fatica direte voi, non bastano i messaggi verbali, ci mancavano anche quelli non verbali, spesso in realtà questi ultimi sono tutt’altro che poco chiari per chi vuole intendere!

Sempre più spesso sento dire da coetanei e persone più mature di me, che la cosa più difficile è riuscire a staccare le proprie creature dai cellulari, è addirittura farli uscire perché dopo quest’anno di pandemia molti si sono rischiusi in se stessi e fanno fatica a relazionarsi con i loro coetanei in “presenza”!

Quindi proviamo a metterci noi nei loro panni, l’adolescenza in pandemia deve essere proprio difficile da gestire, tutti a casa tutti insieme, con mamma papà fratelli nonni e parenti vari! C’è da sclerare per gli adulti, immaginarsi per un adolescente!

Lo scontro generazionale nell’ultimo anno è arrivato a punte di intolleranza che non faccio fatica a capire, e che per mia fortuna e fortuna dei miei famigliari io ho sempre lavorato e ho una casa grande dove distribuirsi, ma chi non ha avuto la mia fortuna, chi si è ritrovato in pochi metri quadri?!

Quindi come aiutarci a comprendere le nostre creature, come aiutarle a prendere contatto con il loro corpo e con i segnali che manda loro? Prima cosa parlandoci, “stressandoli” se necessario, senza mai aver paura di toccare argomenti che una volta, ma spesso anche oggi, si ritenevano … tabù!

Vi invito a rileggere gli articoli scritti fino a qui dalle mie colleghe del progetto #donneesperteindonne, perché ognuna con la sua professionalità può aiutarvi a capire meglio le vostre figlie, ma anche i vostri figli che con le donne avranno sempre a che fare e che prima imparano a conoscersi meglio stanno e staranno!

Sicuramente dei fioretti a loro, e anche a noi, possono assolutamente aiutare! Per non parlare di qualche pianta adattogena per “accendergli” il cervello e la concentrazione quando serve, ma anche qualche pianta o funghetto per darci energia per affrontare gli adolescenti casalinghi o quelli con cui si lavora, se parliamo di insegnanti!

Ultimamente mi trovo anche a consigliare piante per sostenere il morale, se tende a scendere troppo, sia nelle creature che nei genitori; o ancora per abbassare l’ansia che sembra essere diventata compagna di troppi dei nostri ragazzi e non solo un problema dei genitori!

Dott.ssa Franca Grossi
F
armacista Fitopreparatore


PIANTE ADATTOGENE PER COMBATTERE LO STRESS


VUOI CONOSCERE MEGLIO IL PROGETTO #DONNEESPERTEINDONNE

Clicca sul link di seguito:

Donne esperte in Donne