I Legumi sono da sempre conosciuti come il pane dei poveri, sono l’alimento che caratterizza l’alimentazione del vegetariano e del vegano, ma sono anche presenti nella cucina onnivora perché fanno parte della tradizione.

Una volta i legumi sostituivano la carne nei piatti contadini, adesso spesso non si conoscono neanche i nomi dei legumi e si scambiano per verdure.

Nella nostra alimentazione sono fondamentali le proteine, e in modo particolare degli aminoacidi che le compongono, ma ce ne sono alcuni che non siamo in grado di produrre, che si chiamano essenziali e che vanno integrati con la dieta.

I legumi sono ricchi di proteine, ma non contengono tutti gli aminoacidi essenziali, come quelli solforati, la metionina ad esempio, che sono invece presenti nei cereali integrali, con i quali si combinano perfettamente per ottenere un piatto equilibrato dal punto di vista nutrizionale.

Chi non ha mai mangiato la “pasta e fagioli, riso e bisi, pasta e ceci…” 

I legumi sono anche importanti perché contengono sali minerali, come FERRO e CALCIO.

L’abbinamento di origine millenaria tra legumi e cereali integrali è quindi fonte completa non solo di proteine ma anche di energia vitale, visto che entrambi contengono il potere di germogliare. Mangiando quindi questi due alimenti abbinati otteniamo un valore biologico complessivo pari a quello delle proteine animali.

Mangiare cereali integrali e legumi permette di avere un’alimentazione:

  • RICCA DI PROTEINE
  • POVERA DI GRASSI
  • PIENA DI FORZA VITALE

Ma cosa si può volere di più?
I legumi sono anche ECONOMICI!!!

Spesso non si cucinano più per carenza di tempo, visto che se usati secchi richiedono l’ammollo e un pelo di programmazione, spesso perché non si è più abituati.

A volte mi sento dire che non si mangiano perché portano fermentazione intestinale, ma in realtà questa problematica si RISOLVE, con l’utilizzo dell’alga KOMBU nell’ammollo e  nella cottura, che ne rende digeribile la buccia evitando l’effetto puzzetta! (Qualche accorgimento come anche lasciarli schiumare e poi buttare l’acqua di cottura, ne permette l’utilizzo anche in chi ha problematiche intestinali come i diverticoli.)

Il loro consumo giornaliero permette alla nostra flora batterica di abituarsi e in poco tempo il microbiota intestinale ne risulta rafforzato anche nella digestione di altri alimenti.

L’abbondanza di fibre migliora inoltre la mobilità e la salute dell’intestino.

Ma per chi non vuole rinunciare al formato PASTA  potrai trovare dagli Speziali anche la pasta di legumi, quella buona, perché ne abbiamo assaggiato di veramente pessima!!!