fbpx

Ricordatevi che il momento giusto per avere i primi rapporti sessuali non è l’età anagrafica ma una consapevolezza che deve accompagnare la maturazione fisica.
La sessualità è una parte fondamentale e troppo  speciale della vita per sprecarla solo per sentirsi come le altre; vivetela in modo
privato e personale perché questo è: un momento privato e speciale per ognuno di voi.

L’adolescenza rappresenta un periodo di importanti cambiamenti fisici, psicologici e relazionali per i ragazzi.
L’evento principale dello sviluppo femminile è l’arrivo del ciclo mestruale al quale è attribuito un valore emotivo e psicologico di passaggio dall’essere bambina all’essere adolescente. A differenza dei maschi, che tendono a sentirsi maggiormente attraenti, le femmine man mano che lo sviluppo procede tendono a sentirsi sempre meno belle; il confronto con i modelli attualmente riconosciuti dal gruppo dei pari porta a deformare la percezione che le ragazze in questo periodo hanno di se stesse e del loro corpo.

L’identità sessuale si forma grazie all’elaborazione affettiva e cognitiva e al contesto culturale nel quale crescono. Fondamentale durante l’adolescenza è l’innamoramento, momento di passaggio dagli amori familiari a quelli extrafamiliari, vissuto frequentemente come esperienza particolarmente pregnante per la loro identità.

La sessualità, svincolata dall’esclusiva funzione procreativa grazie ai metodi contraccettivi, in adolescenza assume significati diversi. Il comportamento sessuale, infatti, svolge delle funzioni anche a livello non sessuale, come ad esempio una rassicurazione della propria identità, una modalità di affermazione nella relazione con gli altri e con se stessi. A livello di comportamento sessuale è possibile fare una distinzione tra il comportamento autoerotico e il comportamento sessuale di coppia.

Del comportamento autoerotico fanno parte le fantasie erotiche e la masturbazione: le fantasie sessuali sono l’attività sessuale più diffusa, sono tutti quei pensieri che vengono definiti fantasie proprio perché non vi è la volontà di metterli in atto e proprio per questo sono svincolati dall’ansia legata all’approvazione degli altri e possono essere vissuti serenamente; la masturbazione risponde a numerosi bisogni degli adolescenti:
– allenta la tensione sessuale, è un metodo sicuro di sperimentazione,
– aumenta la sicurezza in se stessi, consente un controllo degli impulsi sessuali,
– è un rimedio contro la solitudine e permette di scaricare lo stress e la tensione.

Per quanto riguarda il comportamento sessuale di coppia, è possibile evidenziare una sequenza di comportamenti che l’adolescente mette in campo, a partire dal baciarsi e abbracciarsi, proseguendo con il toccarsi in modo sessuale dalla vita in su, il petting, cioè toccarsi in maniera sessualizzata dalla vita in giù, fino ad arrivare al rapporto sessuale completo.

Il rapporto sessuale completo rappresenta il comportamento sessuale di maggiore importanza durante l’adolescenza. Le ragazze di solito associano il rapporto sessuale all’amore e spiegano il loro comportamento come legato al trasporto del momento e alla volontà di soddisfare i desideri della persona amata anziché come scelta personale o come comportamento legato ai propri desideri.

E’ importante che gli adolescenti vivano la sessualità come scelta consapevole, passo importante verso la propria autonomia e verso la costruzione della propria identità.

Considerare il rapporto sessuale come una prestazione può provocare ansia nel ragazzo che può fisiologicamente influenzare l’erezione o provocare il diffuso fenomeno dell’eiaculazione precoce, mentre nella ragazza il timore della penetrazione può causare difficoltà nel realizzarla e l’ansia legata al rapporto può influire negativamente sulla possibilità di sperimentare l’orgasmo.

Affinché un adolescente realizzi un’esperienza sessuale positiva è necessario aver acquisito alcune competenze quali: gestire i propri impulsi e le proprie
emozioni, rispettare il partner, comprendere e valutare le conseguenze del proprio comportamento ed infine godere dell’esperienza sessuale.

Il primo rapporto sessuale può essere un‘esperienza felice, e gratificante, oppure può causare disagio, delusione o senso di colpa. La sperimentazione sessuale è diffusa e accettata, mentre la sua assenza viene interpretata come segnale negativo di immaturità sia sessuale che affettiva.

La prima volta sembra finalizzata al superamento delle preoccupazioni sulla funzionalità del proprio corpo e sulle proprie capacità di accendere il desiderio nell’altro. Il debutto sessuale diventa un terreno su cui sperimentare la propria identità. Il confronto con il gruppo dei coetanei resta comunque centrale nella decisione di avere il primo rapporto .Il partner diviene quindi la persona che permette la realizzazione del sé e l’aumento dell’autostima personale.

Ricordatevi che il momento giusto per avere i primi rapporti sessuali non è l’età anagrafica ma una consapevolezza che deve accompagnare la maturazione fisica.

E’ importante trovare la persona giusta con la quale sentirsi a proprio agio e vivere la sessualità con libertà e naturalezza. Tuttavia rimane per voi adolescenti fondamentale il rapporto con i pari e la loro accettazione e riconoscimento, diviene così un elemento importante nella scelta la conferma dei pari. Gli amici spesso diventano coloro ai quali raccontiamo paure e insicurezze ma a volte tutto ciò può sfociare nel sentirsi inadeguati se ancora non si è avuto rapporti sessuali.

Anche i genitori possono avere un importanza qualora abbiano un atteggiamento aperto e non giudicante verso il figlio. Ricordatevi che la sessualità va vissuta in modo libero e spontaneo, e va scelto il momento migliore per voi stessi e non per rispondere ad un bisogno di appartenenza o accettazione da parte dei pari.

La sessualità è una parte fondamentale e troppo  speciale della vita per sprecarla solo per sentirsi come le altre; vivetela in modo
privato e personale perché questo è: un momento privato e speciale per ognuno di voi.

DOTT.SSA BEATRICE CARRER
(Clicca qui per scoprire di più sulla nostra Psicologa Beatrice Carrer)


VUOI CONOSCERE MEGLIO IL PROGETTO #DONNEESPERTEINDONNE

Clicca sul link di seguito:

Donne esperte in Donne